peeling enzimatico alkemy
viso

Review Alkemy – “Peeling Enzimatico”

In termini di pulizia viso l’esfoliazione è uno step da non trascurare. La pelle accumula ogni giorno impurità di vario genere. Giusto per dirne una smog, Milano, vi dicono nulla? :D. Al di là della predisposizione genetica e dei fattori ormonali, a livello puramente cosmetico, l’esfoliazione (mi raccomando settimanale non una volta l’anno, vi tengo d’occhio) aiuta a eliminare le celluline morte (carrrine loro) favorendo il rinnovamento cellulare e aiutando così la pelle ad avere e mantenere un aspetto sano e luminoso. Caso, destino, fato chiamatelo come volete mi hanno fatto approdare su Holi Natural Store circa due mesi fa e, sempre caso vuole, che io abbia adocchiato Alkemy tra i brand proposti. Vuoi non provare nulla? Colpa del caso.

Il prodotto di cui vi parlerò oggi, entrato ormai a far parte della mia routine viso da circa due mesi, è il Peeling Enzimatico di Alkemy, brand interessantissimo che propone prodotti contenenti la microalga Klamath e che mi aveva stuzzicato non poco al SanaSoffice e cremoso, dall’esfoliazione delicata ma efficace, è diventato un prodotto irrinunciabile. Ma entriamo nel dettaglio!

Packaging

Il Peeling Enzimatico Alkemy si presenta in un grazioso e piccolino vasetto di vetro scuro, un piccolo scrigno. Solido e resistente, ha una grafica pulita che ben si armonizza con il resto del packaging.

peeling enzimatico alkemy packaging

Formulazione

Punto forte di questo prodotto è sicuramente la sua formulazione, ricca e originale. Mi ha stupito davvero positivamente. Particolarità che subito salta all’occhio, presente in tutti i prodotti Alkemy, è la Microalga Klamath, un tipo di alga che cresce esclusivamente nel lago dell’Oregon meridionale. Ricchissima di sostanze nutrienti per la pelle come vitamine, aminoacidi, oligoelementi dire che è un potente antiossidante sembra quasi riduttivo! All’interno poi troviamo la Papaya, il cui enzima, chiamato papaina, ha un’azione esfoliante e rigenerante. Gli acidi della frutta svolgono un’azione esfoliante, da qui il nome “enzimatico”. La polvere di Noce di Cocco contribuisce ulteriormente a rimuovere le cellule morte. L’Oleolito di Bardana svolge invece una funzione antibatterica e sebo-regolatrice. Il Burro di Cacao, l’Olio di Germe di Grano e l’Olio di Macadamia contribuiscono a nutrire a fondo la pelle e renderla più elastica.

Principalmente possiamo riassumere le funzioni del Peeling Enzimatico Alkemy in tre funzioni. Un’azione esfoliante ma delicata, data dalla papaina e dalle microsfere di cocco. Un’azione sebo-regolatrice per tenere a bada le impurità e un’azione nutriente e idratante. Per questo motivo trovo che sia un prodotto molto completo.

Per approfondimenti sugli ingredienti vi rimando al blog di Alkemy che è fatto veramente molto bene.

Profumo

Molto particolare, sicuramente inedito, a me piace moltissimo. È un profumo dolce ma molto naturale con delle note salmastre date dalla presenza dell’alga al suo interno. Sia chiaro, non è un odore di alga penetrante e fastidioso, ma delicato. Ho notato comunque che la profumazione cambia leggermente nella jar e dopo l’applicazione. Nel vasetto, per quanto in maniera delicata, l’alga si percepisce chiaramente, mentre una volta applicata sulla pelle e sciacquata l’alga si smorza molto e lascia il posto alle note più dolci .

Texture

Il Peeling Enzimatico Alkemy si presenta come una crema spumosa, molto densa e compatta, di un bel verde pallido.

peeling enzimatico alkemy texture

Le microsfere sono abbondanti e “micro”, quasi impercettibili al tatto ma che si fanno sentire una volta che cominciate a spalmare, rimanendo comunque davvero delicate. La consistenza è molto leggera e sottile e basta pochissimo prodotto per coprire tranquillamente tutto il viso.

peeling enzimatico alkemy texture

Applicazione

Come quantità io mi regolo a occhio. Generalmente utilizzo circa la metà della metà di una noce di prodotto che mi basta ampiamente per coprire tutte le zone del viso. Massaggio con movimenti circolari senza pressare eccessivamente e insisto di più nella zona T, che è quella dove mi si formano più impurità. Lascio agire giusto un paio di minuti e poi sciacquo. Mentre è in posa si avverte un leggero pizzicorio, una reazione normale che avviene con tutti i peeling. Applico il Peeling Enzimatico Alkemy di solito una volta a settimana, ma ho provato anche a farne due e non risulta per nulla aggressivo.

Come tempi di posa Alkemy consiglia sul sito di tenerlo 2 minuti in caso di pelle sensibile, arida, screpolata e disidratata. Circa 10 minuti in caso di incarnato spento, pelli con macchie, imperfezioni o rughe molto visibili. Infine circa 20 minuti in caso di pelli acneiche, grasse, soggette in generale a brufoli e punti neri.

Per le mie esigenze non ho mai superato i 3 minuti e mi sono trovata meravigliosamente. La pelle dopo l’esfoliazione risulta morbidissima, luminosa ed estremamente pulita. L’effetto è splendido, sembra quasi di uscire da una SPA tanto la pelle risulta compatta e luminosa. Ha inoltre un ottimo poter nutriente e idratante.

Considerazioni

Sto amando tantissimo questo prodotto perché, oltre a regalare una pelle visibilmente pulita e morbida, non è per nulla aggressivo. Alcuni peeling, sopratutto per chi ha una pelle delicata con la mia, non sono adatti. Rischiano di essere eccessivamente esfolianti e provocare più danni che altro. Al contrario, il Peeling Enzimatico Alkemy è delicatissimo, tanto da poter essere utilizzato più frequentemente rispetto ad altri prodotti simili. Ricordate però, senza mai esagerare e sempre tenendo conto delle vostre esigenze di pelle.

Altro punto a favore, avendo diversi tempi di posa è adattabile a molte esigenze e tipi di pelle, secca, normale, mista o grassa. Se siete alla ricerca di un prodotto esfoliante valido ve lo consiglio caldamente. Per me è assolutamente più che promosso!

Il prezzo è di €23,90 per 25 ml. Mi rendo conto che la quantità è piccolina ma la durata è eccezionale. Appena mi è arrivato ho pensato che sarebbe finito nel giro di un paio di settimane, invece mi sono dovuta ricredere. Sono due mesi che lo utilizzo, principalmente una volta a settimana e mi è capitato anche di usarlo due volte a settimana. Non sono nemmeno a metà confezione, ho praticamente scalfito solo la superficie. Basta veramente poco prodotto per dei risultati ottimali.

Alkemy mi ha stupito, devo proprio dirvelo. Mi piace che utilizzino come base la microalga Klamath che ha delle proprietà eccezionali, la trovo una scelta interessante e originale. Avevo provato diversi campioncini che mi avevano lasciato al Sana e le impressioni erano subito state molto positive ma con il Peeling Enzimatico Alkemy mi ha conquistata. Interessanti della linea, in wishlist, ci sono sia il siero per il viso (che vuole pure mia mamma ahah) e la crema detergente.

Avete provato il Peeling Enzimatico Alkemy? Conoscete il brand? Fatemi sapere nei commenti e per qualsiasi dubbio o consiglio mi trovate, as usual, qui o sui vari social! Un bacione!

 

Previous Post Next Post

You Might Also Like

10 Comments

  • Reply Francesca ( SemplicementeBio) 31 marzo 2017 at 11:04

    Tu scrivi degli articoli molto belli! Adoro il tuo modo di non dimenticarti delle cose fondamentali senza però perderti, ma soprattutto scrivi con il sorriso e si avverte! BRAVA! come ti dicevo su IG, sto usando anche io questo prodotto, ma da poco ne sto facendo un uso costante perché dovevo prima terminare la mousse di MOSSA, ma ALKEMY mi piace, è una ventata nuova nel panorama italiano, l’azienda conosciuta di persona al SANA sprigiona positività, non ha mai ceduto ad un marketing aggressivo, le fa onore.

    • Reply Dafne Cipriani 31 marzo 2017 at 11:22

      Caspita Francesca grazie mille per le belle parole *__* mi fa un piacere immenso, vedere che ciò che scrivo viene trasmesso è una gratificazione enorme! <3 Concordo assolutamente sulle impressioni avute al Sana, anche a me erano piaciuti tantissimo e avevo notato una bellissima spontaneità 🙂 è un brand che si distingue e questo mi piace! Fammi sapere allora sul lungo termine se il peeling ti piacerà 😀 un bacione

  • Reply Alessandra 1 aprile 2017 at 8:16

    Ciao Dafne 🙂 concordo con francesca sul tuo modo di scrivere, è davvero piacevole e dettagliato. Questo peeling mi incuriosisce molto *-* devo premettere che ho un debole per i prodotti esfolianti e li “colleziono” 😀 io adoro gli scrub belli consistenti, ma questo potrebbe essere un bel compromesso, anche perchè adoro i prodotti ricercati 🙂

    • Reply Dafne Cipriani 1 aprile 2017 at 12:31

      Ciao Alessandra 😀 ti ringrazio tantissimo :3 capisco la passione per i prodotti esfolianti ahahah si guarda il Peeling Alkemy è diverso dal solito, decisamente particolare, se lo proverai fammi sapere poi 🙂 un bacio

  • Reply Sara 3 aprile 2017 at 18:34

    Ciao, Dafne! È sempre un piacere leggerti 🙂 Ho provato alcuni campioncini di questo scrub (regalo di Francesca) e confermo tutte le tue opinioni a riguardo. Solo l’odore, al mio olfatto, è terribile! E lo si ritrova in tutti i prodotti della casa, sigh. Profumazione a parte, Alkemy è sicuramente un brand da tenere d’occhio 🙂
    Un abbraccio

    • Reply Dafne Cipriani 3 aprile 2017 at 18:56

      Ciao Sara! Ti ringrazio 😀 Oh bene mi fa piacere che anche tu sia rimasta colpita, mi spiace che non ti piaccia l’odore ma capisco, mi rendo conto che è molto particolare e può non piacere, non è sicuramente “universale” come profumazione 🙂 un abbraccio

  • Reply Vissia 3 aprile 2017 at 19:31

    Sei spiritosissima cara! È un piacere leggerti!😉 prodotti del genere io li adoro…sto usanfo purophi ma questo lo tengo assolutamente di conto!😉un caro abbraccio

    • Reply Dafne Cipriani 3 aprile 2017 at 19:38

      Grazie mille Vissia! 😀 di Purophi ne ho sentito parlare molto bene ma non ho mai provato nulla, in ogni caso se proverai il Peeling Alkemy fammi sapere poi 🙂 un abbraccio

  • Reply Federica Ecobiopinioni 4 aprile 2017 at 16:56

    Questa tipologia di peeling mi è sempre piaciuta. Assolutamente da provare quando ce n’è occasione

  • Leave a Reply